giovedì 22 aprile 2010

L'obbedienza non è più una virtù

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 021
-

-
-

Ci disse che i nove dovevano essere trasportati al CIE di Brindisi.
-
Insistemmo sul fatto che c’erano dei minorenni.
-
Se ci sono dei minorenni - replicò il dirigente – me ne dispiace".
-
A quel punto persi le staffe. “Come può un pubblico ufficiale – urlai – dire se ci sono…. Ma in che paese viviamo?”
-
Devo ubbidire”, mi rispose.
-
Uscimmo con tanta rabbia in corpo. E ci disponemmo davanti al portone dell’Ufficio, da dove dovevano uscire i nove per essere trasportati a Brindisi.
-
La Questura inviò un primo scaglione della Celere, guidato da una donna tutta sorrisi. 
-
Nel frattempo, altri attivisti arrivavano: eravamo circa un centinaio.
-
Allora inviarono un secondo squadrone della Celere, armato di tutto punto. 
-
Ci confrontammo così , faccia a faccia, per mezz’ora. Poi l’ordine di caricarci. Tentammo di resistere, ma fummo travolti. Alcuni di noi riuscimmo a svincolarci e a ritornare davanti al portone.
-
“Dovrete passare sul mio corpo – urlai – Voi non potete portare dei minorenni in un lager."
-
Uno spintone mi fece barcollare e cadere. “Vergognatevi! - dissi al Dirigente dell’Ufficio Immigrati.
-
"Vai via, sobillatore!”- mi gridò, mentre le gazzelle della polizia sfrecciavano via portando gli immigrati.
-
Ero talmente scosso che mi misi a piangere. Quello che avevamo subito era poca cosa in confronto al grido di dolore dei nostri fratelli, anzi figli, africani. La notizia, oggi, che la Questura di Brindisi ha riconosciuto che ben sei di loro erano minorenni e che sono stati liberati, ci conforta e ci fa sentire che non abbiamo lavorato invano.
-
-

-
.
E' sotto gli occhi di tutti il colpo di stato razzista in Italia.
.
E chi ad esso non si oppone, di esso e' complice.
.
Si uccide anche col silenzio, si uccide anche con l'indifferenza: che sempre aiuta il carnefice a fare scempio delle sue vittime.
.
TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 167 del 21 aprile 2010
-
-

mercoledì 21 aprile 2010

Che significa virtuale?

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 020

-
-
grazie a Sergio
-

Donata Almici

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 019
-

-
.
Belle domande... come porle democraticamente?
.
Ricordo con un pizzico di nostalgia un mancato concerto a Milano, l'ultimo di Bob Marley (!)
.
Con quella che sarebbe stata la moglie da cui oggi vivo separato andammo invece insieme alla Festa dell'Unità di Lecco.
.
Tra un ballo liscio, un panino e una pesca di pesciolini potemmo (potevamo) osservare la mostra del locale allora detto PRG_Piano Regolatore Generale. Mostra, come sempre, impegnata a pubblicare tentativi partecipati di "governo territoriale".
.
Stranamente, a quasi duemila chilometri di distanza, ci sentivamo anche lì in un angolo delle nostre città: Sciacca, Palermo...
.
-

lunedì 19 aprile 2010

sabato 17 aprile 2010

Io sto con Emergency

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 017
-
-

.
  La mia foto profilo / avatar fino a liberazione
.

Fragorosi silenzi

-

Acqua pubblica. Un euro di verifica. A casa la Veolia

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 016
-
-
E loro, i settemila firmatari delle contestazioni, che per anni hanno denunciato le conseguenze della gestione privata dell’acqua, continuando a pagare a quel comune fatto di rappresentanti eletti e non nominati dai consigli di amministrazione francesi, hanno raggiunto un traguardo neanche immaginabile fino a poco tempo fa.
-
Hanno dimostrato che la mobilitazione dei cittadini – al di fuori dei partiti, basata solo sul senso civico e su quel sentimento profondo che respinge le ingiustizie – può cambiare le cose, può rimandare a casa una multinazionale potente come la Veolia.
-
-

martedì 13 aprile 2010

Hand of God

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post015
-
-
Dopo Sex Crimes and Vatican, Hand of God.
-
Finalmente online anche in Italia, con i sottotitoli in italiano.
-
Grazie a Joe e a Paul Cultrera che hanno voluto scegliere Bispensiero per pubblicarlo online, concedendo i diritti di distribuzione web.
-
Ci auguriamo che la rete supplisca ancora alla disinformazione italiana su questo tema.
-
Che il tam tam abbia inizio! (clik qui o sul titolo)

venerdì 9 aprile 2010

Accertamenti di giustizia

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 014

-
-
-

-
.
Curiosamente, nello stesso giorno
.
Chi l'ha visto? trasmette il servizio Sangue infetto
.
e Napolitano firma il legittimo impedimento.
.
*
.
Chiedo a Rai fatti coerenti alla sua peculiare funzione di servizio pubblico, autorizzando i diritti di riproduzione a fini non commerciali e divieto di opere derivate delle registrazioni totali o parziali di servizi RAI già mandati in onda - con obbligo di citazione di fonte.
.
Credo a un intelligente lavoro di rete, che rispetti i diritti, promuovendo ulteriormente i meriti degli interessati.
.
Nell'era del podcast, della riproducibilità selezionata personale, sociale, in rete e on demand, una platea più vasta di pubblico, anche Rai, potrebbe beneficiare della ulteriore diffusione di servizi anche così abilitabili.
.
Ringrazio Claudio Messora che da privato volontario tenta anche lui simile informazione di servizio. Grazie alla sua diversa licenza io e altri volontari possiamo ulteriormente diffondere il Monito di Napolitano. Se RAI facesse altrettanto io (ma non solo io) potrei riprodurre l'intera playlist costruita su You Tube con la mia casalinga registrazione  in spezzoni del servizio già trasmesso da Chi l'ha visto? e abilitato ad esempio a questa più ampia diffusione.
.
Un più ampio pubblico potrebbe (ri)vedere i 5 video miei (+ il video di Messora = 6/6) come altre pubblicazioni non commerciali, tal quali e come tali incremento di merito per RAI e gli autori interessati.
.
Perchè non realizzare questa estensione pratica e conveniente di servizio pubblico? Perchè devo rischiare di avere l'intero mio canale You Tube oscurato se RAI dovesse prendermi di mira per quello che oggi domenica 18 aprile 2010 decido di fare alle ore 11:40 circa? Chi e cosa disturbo nel riproporre pubblicamente  - senza scopi commerciali - questi servizi già  pubblici, queste mie chiamiamole civili intercettazioni?
  1. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 1/6. L'inchiesta scomparsa [tempo: 3:51]
  2. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 2/6. La strage degli innocenti [tempo: 4:23]
  3. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 3/6. Duilio Poggiolini [tempo: 3:21]A
  4. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 4/6. Che fine ha fatto il processo [tempo: 2:31]
  5. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 5/6. Che si tenga un processo [tempo: 2:28]
  6. ACCERTAMENTI DI GIUSTIZIA 6/6. Il Monito parziale di Giorgio Napolitano [tempo: 2:00]
.

*
-

mercoledì 7 aprile 2010

Telegramma 153. IL SANGUE DELLE VITTIME

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 013
-
.
La guerra in Afghanistan, un crimine immane cui anche l'Italia criminalmente partecipa.
Il colpo di stato razzista in Italia, un crimine immane consentito da una complicita' di massa.
*
Opporsi alla guerra in Afghanistan. E' il primo dovere.
Opporsi al colpo di stato razzista. E' il primo dovere.
Occorre un'insurrezione nonviolenta in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani, in difesa della Costituzione della Repubblica Italiana, in difesa della civilta', in difesa dell'umanita'.
Solo la nonviolenza puo' salvare l'umanita'.
.
-
Telegramma 153. Attorno al tavolo della cucina e' dove Hanan Ibrahim discute con le altre donne somale a Londra. Di cosa? Di che sta succedendo nelle loro comunita', gruppi e famiglie, e di come evitare che ragazzi e ragazze siano tentati da risposte violente ai loro problemi. Giunta in Gran Bretagna come rifugiata, Hanan ha creato negli anni un vasta rete di immigrate dal suo paese, il cui scopo principale e' contrastare la violenza e il terrorismo.
-
Hanan fa parte di Save (Sisters Against Violent Extremism - Sorelle contro l'estremismo violento) e la campagna che sta portando avanti in questo momento si chiama “Madri per il cambiamento”.
-
La campagna ha rappresentanti attive anche in Yemen, India, Pakistan e Indonesia, tutte donne convinte che l'essere madri e l'aver scelto la nonviolenza le attrezzi in modo abbastanza efficace per accollarsi il compito di proteggere i figli e le figlie: non solo i loro, vogliono che stiano bene anche i figli e le figlie di quelle che gli estremisti di qualsiasi tipo indicano come loro “nemiche”.
-
Fa parte di Save e della campagna delle madri anche Vinita Kamte il cui marito, ufficiale di polizia, peri' nel corso degli attacchi terroristici a Mumbai del novembre 2008. La determinazione di Vinita e', come lei stessa dice, “dare un volto” alle vittime della violenza ed ai loro familiari: per questo si confronta continuamente con i giovani nelle scuole e in varie occasioni pubbliche, spiegando e mostrando i reali effetti del terrorismo. “Sono una testimone della storia”, afferma.
-
Le “Madri per il cambiamento” credono che contrastare il terrore significhi anche creare un diverso scenario per le emozioni umane, uno scenario in cui possano muoversi a proprio agio i ragazzi che altrimenti diverranno le prossime vittime del reclutamento alla violenza, e trovare significati e risposte diverse alle loro esperienze. “Pensateci come segnali di preallarme”, dicono scherzando Hanan e Vinita, “Quel che facciamo e' disinnescare le bombe prima ancora che vengano messe in posizione”. E questa e' la nuova architettura di pace di cui il movimento globale delle madri sta mettendo le basi.
-
-

martedì 6 aprile 2010

Sangue infetto

-
Mani in rete Esplora Gioca e Fai clik Ovunque Post 012
-
-
Cari della redazione di Chi l'ha visto?
grazie per la vostra adozione del caso di Luca, del vostro impegno a chiedere anche di questi "scomparsi".

Sono un blogger. Fa non solo pensare
  • la semplice richiesta, posta anche a Napolitano, di potere fare il processo;
  • la reazione di Poggiolini;
  • la responsabilità del sito istituzionale che avete citato.
Sono più che indignato: sono disponibile anch'io all'adozione.

Anche se non è che io, nel mio piccolo, molto piccolo, valga tanto.

Però credo nel valore di rete e sopra tutto potrei valere come un esempio da citare perché possa - chi vuole - replicare, ripetere.

Auguri e solidarietà a Luca, ai tanti che rappresenta.

--
--
.
Come sempre, seguono questa mia firma e le info finali automatizzate:

.
Il mio consueto augurio di pace e di buon lavoro
.

--
giuseppe
Giuseppe Boscarino

http://www.altrecose.eu

http://duespostidacondividere.blogspot.com

http://unasolaumanita.blogspot.com

http://perunadecrescitafelice.blogspot.com/2008/08/la-storia-delle-cose.html

http://equoatuonomecitta.blogspot.com

skype giuseppe.boscarino - fisso: 0925 905282 - mobile: 320 8820193
.
.
___________
.
Il vostro indirizzo mail sarà inserito tra i miei contatti personali.
.
Pronte variazioni o cancellazioni a richiesta.
.
Tutte le info su http://docs.google.com/View?docid=dpsp2r4_157htg3cmdq&pageview=1&hgd=1&hl=it
.
Buona lettura e buona navigazione tra i link di questa mail e le vostre autonome ricerche.
.
L'insieme di queste comunicazioni automatiche ironizza (anche, ma non solo) sui pro/contro delle comunicazioni automatiche di istituzioni, enti e persone.
.
Ricordatevi di stampare solo se necessario. Tutelate l'ambiente.
.

-

lunedì 5 aprile 2010

venerdì 2 aprile 2010

giovedì 1 aprile 2010